Pasqua e Pasquetta, fronte freddo con piogge e temporali su parte della Penisola

Graziano Brotto

Graziano Brotto Categoria: Previsioni - Pubblicato il 12-04-2022

Irruzione di un fronte freddo dalla Scandinavia che interromperà il dominio anticiclonico dal sapore primaverile.

Possibile ingresso di aria fredda dal Nord Europa nel giorno di Pasquetta

Il tepore di questi giorni è destinato ad essere scalzato repentinamente dal cambiamento meteo atteso a cavallo del weekend di Pasqua. Un impulso perturbato, in discesa dal Nord Europa, determinerà un peggioramento su parte d’Italia, ma soprattutto un generale calo termico.

L’impatto dell’aria fredda sarà sentito in modo piuttosto accentuato, considerando che ora proseguirà per alcuni giorni una fase piuttosto mite. L’anticiclone è infatti tornato prevalente, con il richiamo di correnti calde africane indotto dal lento approssimarsi di una depressione ora tra Spagna e Nord Africa.

Il braccio di ferro fra l’alta pressione e il ciclone afro mediterraneo alimenterà questo flusso meridionale, producendo per il resto pochi effetti. Solo le due Isole Maggiori saranno maggiormente lambite dalla circolazione instabile, con qualche eventuale precipitazione.

Un autentico ribaltone si realizzerà in coincidenza del weekend di Pasqua, quando avremo un cambio di circolazione davvero radicale. L’anticiclone ripiegherà verso ovest e verso nord, dando così spazio ad una discesa d’aria fredda in arrivo dall’area baltico-scandinava.

Sfondamento del freddo sull’Italia nel corso del weekend

Il fronte perturbato associato raggiungerà l’Italia probabilmente proprio tra il sabato e la domenica di Pasqua, andando a scorrere rapidamente lungo la Penisola. Non ci saranno precipitazioni organizzate, ma l’innesco di instabilità atmosferica con fenomeni sparsi associati a temporali e grandine.

Già nel corso di Pasqua il fronte d’irruzione fredda si porterà verso il Sud e le Isole Maggiori, trascinato dai venti di Grecale. Qui si attarderà maggiormente l’instabilità, con maggiore probabilità di precipitazioni. Il resto d’Italia sarà spazzato dai venti freddi da nord che spazzeranno via l’aria calda preesistente.

Per quanto riguarda la Pasquetta, probabilmente avremo l’apice dell’afflusso freddo sull’Italia, maggiormente accentuato tra le regioni adriatiche e il Sud. Le temperature crolleranno ben sotto le medie del periodo.

Avremo sole predominante sulla Penisola per il Lunedì di Pasquetta, tradizionalmente dedicato alle gite fuori porta. Possibili insidie instabili indugeranno sul basso Adriatico e al Sud dove non escludiamo altre precipitazioni, anche nevose sui rilievi al di sopra dei 1000 metri.

Le migliori previsioni meteo del web sul modello comparativo.